Morto in Siria combattendo Burak Karan giocava nell”under 17 della Germania con Kedira e Boateng ma aveva scelto di combattere nell’Islam

burak karanGermania, muore combattendo in Siria: aveva giocato con Khedira e Boateng
Burak Karan bell’Under 17 tedesca e dopo la scelta islamista
Burak Karan aveva 26 anni, aveva fatto parte di una delle nazionali tedesche più talentuose degli ultimi anni. In campo con squadre del calibro di Amburgo e Hannover 96, nel 2008 aveva lasciato il calcio per diventare un islamista

BERLINO – Aveva giocato in una delle nazionali giovanili (under 16 e under17) più talentuose della nuova Germania del pallone, quella multietnica formata da tedeschi a tutti gli effetti, ma figli di immigrati. Con lui gente che avrebbe sfondato, come Sami Khedira e Kevin Prince-Boateng. Poi però Burak Karan ha scelto un’altra strada, dai campi di calcio ai campi di bhattaglia: e in uno di questi, in Siria, ha perso la vita a soli 26 anni.  Karan, che aveva giocato con Amburgo e Hannover ’96, secondo quanto raccontano i media tedeschi era arrivato in Siria nei mesi scorsi, sembra per combattere contro le forze del regime di Assad. Proprio Boateng ha espresso il suo dolore su twitter: “R.I.P. mio fratello Burak! Non dimenticherò mai il tempo insieme, eri un vero amico! In gioventù c’è stato un rapporto molto stretto, poi non so quel che è successo dopo e non posso cambiarlo!”

E’ morto nell’esplosione di una bomba, in un villaggio non distante dal confine turco, ha dichiarato il fratello di Karan al quotidiano tedesco Bild. Calcisticamente, una carriera breve che già a 21 anni aveva preso una strada diversa. Era infatti diventato un islamista, ha rivelato sempre oggi il tabloid ‘Bild’, che ha pubblicato in prima pagina le foto di Karan in maglietta bianca, durante un’azione di gioco nei ranghi della Nazionale tedesca, accostata a un’altra che ritrae il ragazzo con la barba lunga e un fucile automatico in mano.
Rimangono nel frattempo ancora confuse le circostanze del decesso di Karan e il suo ruolo nelle milizie armate che si battono contro il regime; ma la famiglia del ragazzo, specificano sempre i media tedeschi, sta cercando di fare luce sulla vicenda.

da repubblica.it

I commenti sono chiusi.