Morto Nicholas Mevoli 32 anni durante una competizione di apnea alle Bahamas la Vertical Blue

Nicholas MevoliProblema ai polmoni”, morto Nicholas Mevoli (recordman Usa apnea)Durante una gara alle Bahamas. Il diver di Brooklyn aveva 32 anni

internazionale alle Bahamas. Stava cercando di entrare nuovamente nella storia raggiungendo 72 metri senza bombole, senza corde, senza pinne, con il solo aiuto dell’aria immagazzinata nei suoi polmoni.
Il problema è arrivato a quota 68 metri, ma il diver di Brooklyn, New York, ha continuato a scendere verso le profondità. Gli altri atleti avevano subito capito che la decisione sarebbe stata molto rischiosa. Mevoli – che ha raggiunto il suo obiettivo – è riemerso in stato confusionale, ma è riuscito a completare le procedure di fine immersione prima di perdere i sensi.
Subito cinque soccorritori e paramedici hanno cercato di rianimarlo, ma senza alcun risultato. Il suo cuore ha smesso di battere dopo quindici minuti. E neppure l’iniezione di adrenalina è riuscita a salvarlo. “Aveva un problema ai polmoni”, ha detto l’italiano Marco Cosentino, uno dei soccorritori che seguono durante tutta l’immersione i diver.
Mevoli – 32 anni di Williamsburg, Brooklyn – sin dall’età di nove anni aveva mostrato grandi capacità per le immersioni: “Riusciva a raggiungere i 90 metri in due minuti e 45 secondi”, ha detto lo zio, Paul Mevoli. Quando a maggio aveva raggiunto i 100 metri di profondità – quella volta usando una monopinna – era entrato nella storia come il primo americano a infrangere quella barriera.
La competizione in cui ha perso la vita, il Vertical Blue, è considerata la Wimbledon delle immersioni in apnea e ogni anno
attrae centinaia di atleti e appassionati da tutto il mondo.
Quest’anno erano presenti 34 atleti da 16 Paesi che nei primi sei giorni hanno messo a segno 26 record nazionali. La competizione sarebbe dovuta terminare domani, ma la morte di Mevoli ha fatto interrompere bruscamente le gare.

da ilmondo.it

I commenti sono chiusi.