Reggio Calabria pregiudicato ucciso in un agguato al bar

Reggio Calabria, agguato in un bar: ucciso pregiudicato

Entra in un bar per bere un caffè, quando viene raggiunto da quattro colpi di pistola, uno direttamente alla testa. Siamo a Reggio Calabria, in viale Amendola, nei pressi della centralissima Piazza del Popolo. A pochi passi da lì c’è l’Agenzia dei beni confiscati e sequestrati alla criminalità organizzata e dalla sede del Consiglio regionale.

E’ morto sul colpo Carmelo Morena, pregiudicato, classe 1946: nel 2005, infatti, era stato coinvolto in un’operazione condotta dai carabinieri contro la cosca Tengano che ha il controllo delle attività illecite in una vasta zona di Reggio. Dal processo che seguì all’inchiesta però venne assolto. L’agguato è avvenuto alle prime ore del giorno del 31 marzo, sotto gli occhi soltanto del titolare del bar “Mina” che dopo aver assistito all’omicidio ha accusato un malore. Il killer di Morena è andato via a piedi dal luogo del delitto.

Sul caso stanno indagando i carabinieri del comando provinciale: nessuna pista è esclusa anche se i sospetti sono concentrati soprattutto sugli ambienti della ‘Ndrangheta. Gli inquirenti, coordinati dal pm della Procura della Repubblica di Reggio Calabria, Stefano Musolino, ipotizzano che il movente dell’omicidio sia una vendetta.

Pina D’Errico

da ILQUOTIDIANOITALIANO.IT

I commenti sono chiusi.