Roana Maurizio Gonzati muore in un incidente in moto

Roana, un giardiniere si schianta in moto e muore sul colpo
L’incidente ieri a Roana sulla ex statale 349 in Val d’Assa. Maurizio Gonati, 48 anni, di Montecchio Maggiore stava per affrontare una curva, quando ha perso il controllo del mezzo

Una breve gita domenicale in moto si è trasformata in tragedia. Maurizio Gonzati, 48 anni e residente a Montecchio Maggiore, è morto ieri mattina a Camporovere, frazione di Roana.
L’uomo, che lavorava come giardiniere, ha perso il controllo della sua moto ed è finito fuori strada: ogni tentativo di rianimarlo, da parte del personale del Suem, è stato purtroppo inutile.

Erano circa le 10 quando Gonzati, che abitava insieme ai fratelli e alle sorelle in località Colombaretta, vicino a Tavernelle, ha deciso di trascorrere qualche ora sull’Altopiano.
Era appena uscito da messa a Monte Berico e ha detto al fratello che avrebbe approfittato della bella giornata di sole per un giro in moto, da sempre la sua grande passione. Pochi chilometri di strada e poi l’incidente.
In base a quanto hanno ricostruito gli agenti della polizia locale del comune di Roana, intervenuti per i rilievi, l’uomo stava viaggiando in Val D’assa, dalla frazione verso Trento, lungo l’ex statele 349 quando, all’altezza del chilometro 356, imboccando una semi-curva, avrebbe improvvisamente perso il controllo della sua Aprilia. La moto sarebbe finita contro il guard-rail e avrebbe poi continuato la sua corsa per circa quindici metri mentre Maurizio Gonzati sarebbe stato sbalzato oltre la barriera protettiva, finendo nel bosco che costeggia la strada.

Sono in molti a sostenere che questa strada è pericolosa, soprattutto perché i centauri, durante le loro gite, sono soliti sfrecciare a gran velocità, incuranti dei limiti. «Scambiano l’ex statale per una pista – sostengono alcuni residenti – e bisognerebbe intensificare i controlli per garantire maggiore sicurezza».
Non è tuttavia il caso di Maurizio Gonzati. Tutti lo definiscono come molto prudente. Inoltre, dai rilievi effettuati dai vigili, sembra certo che l’uomo non stesse correndo.

Anche un automobilista, che viaggiava a qualche decina di metri di distanza e ha assistito all’incidente, ha confermato questa versione.
«Andava piano, sono sicuro – ha raccontato all’arrivo dei soccorsi, da lui chiamati subito dopo -. Ne sono certo perché era proprio davanti a me, lo vedevo bene. C’erano invece altri centauri che sfrecciavano e che, infatti, lo hanno sorpassato durante il tragitto». «L’ho visto affrontare la semi – curva e poi finire fuori strada – ha continuato – senza, probabilmente, poter far nulla per riuscire ad evitarlo. Tutto è successo in una manciata di secondi. Sull’asfalto, infatti, non sembrano esserci segni visibili di frenata».

A Camporovere, dopo alcuni minuti, è arrivata un’ambulanza del Suem. L’uomo è stato trovato a terra, nel bosco che costeggia la strada. Le sue condizioni erano disperate. Il personale sanitario ha prestato le prime cure sul posto, quindi ha tentato di trasportare il motociclista d’urgenza verso l’ospedale di Asiago.
Qui, purtroppo, Maurzio Gonzati non è mai arrivato. L’uomo è morto pochi minuti dopo, lungo il tragitto.

Claudia Milani Vicenzi

da ILGIORNALEDIVICENZA.IT

I commenti sono chiusi.