Roma è morta Sora Mirella 75 anni al secolo Mirella Mancina la regina della grattachecca

chiosco sora mirella grattacheccaLutto nella capitale per la morte di una delle sue figure più rappresentative. Non stiamo parlando di un amministratore o politico, nè di un uomo di spettacolo, bensì di una commerciante molto conosciuta dal popolo romano.

La tradizione capitolina perde infatti un personaggio davvero ’storico’. Di quelli che forse non ne nascono più nel nostro Paese. È morta, ieri, la ’sora Mirella’, la regina della grattachecca dell’isola Tiberina. Mirella, classe 1935, figlia di Enrico Mancini partigiano azionista giustiziato alle Fosse Ardeatine.

La “grattacheccara” de’ Noantri, col suo chiosco alle porte di Trastevere, che da oltre cinquant’anni grattava ghiaccio per elaborare cocktails di frutta e creatività.

Un’istituzione capitolina per il gusto popolare, raccontata e intervistata dai giornali di mezzo mondo. Capelli sempre perfettamente in piega, calorosamente sovrappeso, battuta sagace e consigli pronti a chi indeciso si attardava a scegliere sul menù.

Si è spenta ieri, a 78 anni, circondata dall’affetto della famiglia, che l’ha sempre accompagnata nelle indefesse serate delle estati romane a regalare ’freschezze’. Nel 2015 il chiosco di Mirella compirà cento anni, un monumento al folclore romano.

da romacapitale.it

I commenti sono chiusi.