Roma l’autista dell’Atac notturno che fa scene hot con una amica mentre guida il bus e la gente si arrabbia

atac bus autista ragaza notteROMA: L’AUTISTA E L’AMICA, SCENE OSÉ SUL BUS
SCANDALO E PAURA SULLA LINEA NOTTURNA

ROMA – «Queste cose le vai a fare di giorno, quando non lavori. Ora riportaci a casa», urla la mamma, oramai inviperita. «Chiedo scusa, avete ragione», risponde l’autista, forse pentito. Ci risiamo. Ignorando circolari e regolamenti, facendosi beffa di precedenti comportamenti che le aziende di trasporto locale hanno duramente sanzionato, un autista della Roma-Tpl in servizio su un mezzo della linea notturna N2 – da Rebibbia alla Laurentina – la scorsa notte, si è fatto cogliere in flagrante da un passeggero mentre guidava con la sola mano sinistra e, contemporaneamente con l’altra teneva quella di un’avvenente amica seduta in cabina con lui, sul cruscotto. Chi pensava di averle viste tutte, tra autisti che guidano mentre inviano sms, o parlano al cellulare con i gomiti sul volante mentre leggono il giornale o mangiano un panino, si dovrà ricredere.

LO SCONCERTO «Non ho mai visto una cosa simile», commenta Rouven, studente dell’Erasmus, tedesco, a Roma da più di sei mesi. Almeno per lui l’esperienza vissuta la scorsa notte sul bus notturno ha davvero dell’incredibile: Via Laurentina, è notte fonda, sono da poco passate le tre. Il solito bus notturno è in ritardo, la fermata è senza orari d’arrivo. Ma la sorpresa, quando l’N2 in direzione Laurentina fa capolino, è davvero tanta. In compagnia dell’autista alla guida del mezzo, infatti, c’è un’avvenente signorina: alta, bionda, gonna corta e stivali, ha invaso la cabina «privata» per far compagnia al guidatore. «I due ridono, scherzano, arrivano persino a scambiarsi carezze», dice Rouven. Il tutto tra lo stupore dei passeggeri.

GUIDA A SCATTI «Ho preso il bus alla fermata Monti Tiburtini e sono sceso all’altezza di San Paolo – racconta un altro studente universitario – Mi sono trovato davanti questa scena assurda. Eppure mi hanno sempre detto: mai disturbare il conducente. In questo caso altro che disturbare. È già grave guidare un mezzo pubblico con una persona seduta accanto, figuriamoci se poi si tratta di una bella ragazza che ti accarezza, gioca e chiacchiera». Insomma «un viaggio faticoso, oltre che pericoloso». «Ad ogni semaforo, sistematicamente, si fermava col verde e aspettava il rosso successivo in modo da essere libero di muoversi…», aggiungono i passeggeri. «La velocità, come sempre per i notturni, è elevata, troppo – raccontano altri testimoni – Le curve sono prese in pieno. La situazione è andata avanti così per quasi tutto il tragitto». Solo una mamma, che si era seduta davanti insieme ai suoi due figlioletti, perde la pazienza quando gli atteggiamenti diventano un po’ troppo spinti: «Voglio il numero dell’Atac, subito. I miei figli hanno 9 e 10 anni, e non vogliono vedere queste scene. Solo in Italia possono accadere cose del genere». Dopo la signora, anche gli altri passeggeri evidentemente disturbati dal comportamento dell’autista, decidono di unirsi alla protesta. La ragazza, allora, dopo un ultimo saluto all’autista, decide di lasciare la cabina e di tornare al suo posto.
Non è la prima volta che i dipendenti dell’Atac si rendono protagonisti di vicende che finiscono al centro di contestazioni. Già il mese scorso, un conducente in preda a una crisi d’amore al telefono, aveva fatto scendere tutti i passeggeri, per poi allontanarsi col suo mezzo. Insomma, come a dire: a Roma, coi mezzi, c’è sempre una sorpresa dietro l’angolo. L’Atac, intanto, che affida a Roma-Tpl alcune linee in subappalto, chiederà spiegazioni sull’accaduto. Dal canto suo la Roma-Tpl avvierà una indagine interna: «In casi del genere saranno attivate subito le procedure disciplinari».

(ha collaborato Raffaele Nappi) di Elena Panarella da leggo.it

I commenti sono chiusi.