Russia incidente aereo a Kazan video si schianta boeing 747 52 morti

Russia, si schianta Boeing 737: 50 morti. Tra le vittime il figlio del presidente
L’aereo proveniva da Mosca. È caduto a Kazan, a 700 chilometri dalla capitale russa. Per tre volte il velivolo ha tentato di atterrare prima di esplodere al contatto con il suolo. Nell’elenco dei passeggeri anche un dirigente dei servizi di sicurezza russi

MOSCA – Un Boeing 737 si è schiantato in fase di atterraggio a Kazan, la capitale della repubblica russa del Tartarstan, a 700 chilometri a est di Mosca. Tutte le 50 persone a bordo (44 passeggeri e sei membri dell’equipaggio) sono morte: lo ha reso noto Irina Rossius, una portavoce del ministero delle Emergenze russo.

L’incidente si è verificato alle 7,20 ora locale, un’ora dopo il decollo da Mosca. Si trattava di un volo delle linee regionali del Tatarstan diretto alla capitale Kazan, città di oltre un milione di abitanti. Secondo quanto riferito dai media russi, l’aereo ha provato per tre volte ad atterrare, ma all’ennesimo tentativo ha perso quota e si è schiantato al suolo, esplodendo. L’agenzia Interfax ha avanzato l’ipotesi che l’incidente sia stato dovuto a un errore del pilota.

Tra le 50 persone morte nello schianto c’è anche anche uno dei figli del presidente della regione, Rustam Minnikhanov. Stando alla lista dei passeggeri pubblicata su alcuni siti, Irek, questo il nome della vittima, si trovava sull’aereo proveniente da Mosca ed esploso al momento dell’atterraggio. Secondo quanto dichiarato dal vicepremier della repubblica, Iouri Kamaltynov, nell’incidente sarebbe morto anche il capo della sezione locale dei Servizi di sicurezza russi (Fsb), Alexandre Antonov.

Un giornalista intervistato dalla tv di stato ha raccontato di aver viaggiato in mattinata sullo stesso aereo, nel volo di andata da Kazan all’aeroporto Domodedovo di Mosca, ed ha detto che l’atterraggio del Boeing era stato molto travagliato a causa delle forti vibrazioni registrate a bordo negli ultimi minuti di volo.

da repubblica.it

I commenti sono chiusi.