Sampdoria Inter 0 a 2 Sneijder ed Eto’o i gol video

Cade Marassi: Inter seconda per una notte

L’Inter vince a Genova contro la Sampdoria per 2-0 nel posticipo della 27esima giornata, ed è ora al secondo posto a -2 dal Milan in attesa del big-match di lunedì sera fra i rossoneri e il Napoli. Sneijder apre con una grande punizione al 73′, poi Eto’o chiude nel recupero

“Una vittoria molto importante. E’ stata una partita molto difficile, ma ce l’abbiamo fatta, ora siamo secondi a due punti dal Milan. Abbiamo giocato molto bene, sin dall’inizio, e penso che abbiamo meritato di vincere. Dopo la sconfitta con il Bayern Monaco è stato bello tornare al successo, ora abbiamo una settimana per lavorare ancora. Per chi tengo domani fra Milan o Napoli? Per nessuno”. – Wesley Sneijder.
Wesley Sneijder rilascia la sua prima intervista in italiano nel dopo gara di Marassi, festeggiando il suo ritorno al gol, spettacolare, su punizione, che rilancia l’Inter lì, in alto nella classifica, a fare da terzo incomodo tra Milan e Napoli, che domani sera si giocheranno una fetta importantissima dello scudetto nel posticipo di San Siro. Ci vuole una magia dell’olandese per sbloccare una partita bruttina, che l’Inter non riesce a scuotere per colpa di un centrocampo un po’ raffazzonato per le tante assenze e per merito di una Sampdoria che, fino al 73’, gioca una partita di gran carattere: grintosa, quadrata, ordinata, e sempre pronta a sfruttare gli spazi e le fasce in ripartenza e mettere in difficoltà la retroguardia nerazzurra.
PRIMO TEMPO A META’, PRIMA INTER POI SAMP – La squadra di Leonardo comincia bene: Ranocchia è un muro su Maccarone, Kharja gioca con autorità fra le linee (salvo poi scadere terribilmente nel prosieguo della gara) e Sneijder mette subito sull’attenti Curci su punizione. Ma, con il passare dei minuti, la Sampdoria prende coraggio, complice il calo qualitativo a centrocampo dei nerazzurri che lascia Pazzini ed Eto’o piuttosto isolati nella trequarti avversaria. Un destro di Poli da lontano apre una seconda metà di tempo favorevole alla squadra di Di Carlo, sfortunata, però, prima con Maccarone, che mura un colpo di testa pericoloso di Lucchini su calcio d’angolo, e poi con il Palo colto da Poli al 43’.
LA GEMMA DI SNEIJDER – Nella ripresa si assiste a un calcio bruttino, con l’Inter sempre più in difficoltà nel costruire gioco a centrocampo e sempre più sterile davanti, merito anche del grande sacrificio dei mediani blucerchiati, ottimi nel contenere Sneijder e nel lavoro di pressione sui portatori di palla. Leonardo prova a scuotere la squadra passando alle tre punte vere con l’inserimento di Pandev per lo scaduto Kharja, ma a risolvere tutto è la magia su calcio di punizione di Sneijder, con il pallone che accarezza il palo alla sinistra di Curci per terminare poi la sua corsa in fondo alla rete.
IL SIGILLO DI ETO’O – La Sampdoria carica a testa bassa e appesantisce il reparto offensivo con gli innesti di Macheda e Biabiany, ma l’Inter contiene con autorità e si ripropone nei varchi lasciati da un avversario ora fin troppo sbilanciato: Sneijder colpisce il palo ancora su punizione all’80’, Curci salva due volte su Eto’o tra l’89 e il 93’, ma nell’ultimo minuto di recupero il camerunese riesce finalmente a vincere la battaglia con l’estremo doriano sigillando la vittoria nerazzurra: punizione dalla trequarti, dormita della difesa blucerchiata che si dimentica di Eto’o, controllo, rientro sul centro su Lucchini e conclusione violenta che passa sotto le gambe di Curci per il 2-0.
Daniele Fantini  Eurosport

One comment

  1. Pingback: Sampdoria Inter 0 a 2 Sneijder ed Eto’o i gol video (vip ) « calcio mercato