Senigallia e le squillo escort per giocatori ed ex giocatori di serie A

Gemma escort chiesa  01L’ITALIA VA A PUTTANE – DOPO LE BABY ESCORT E I “RAGAZZI DI VITA” DI PAOLINI, CHIUDE IL LENZUOLO IL GIRO DI BALLERINE-SQUILLO PER CALCIATORI: UNA NOTTE DI SOLLAZZO-AZZO-AZZO A 1500 €
E’ quanto emerge dall’inchiesta della Procura dopo l’arresto di tre gestori di night di Senigallia – Un giro di mignotte d’alto bordo con “personalità insospettabili” disposte a sganciare 1500 € per una notte – Se i clienti lo richiedevano, gli indagati facevano anche da tassisti fino al luogo dell’incontro…

Da “il Messaggero”

Ballerine squillo anche per giocatori di serie A in tre night di Senigallia. Ragazze da sballo pagate anche 1.500 euro a notte per le prestazioni hot. E’ quanto emerge dall’inchiesta della Procura dopo l’arresto di tre gestori di night. Nell’ordinanza di custodia cautelare si descrive un giro di prostituzione importante, con personalità insospettabili disposte a pagare fino a 1500 euro per una serata extra con una delle dodici ragazze oggetto del desiderio sessuale.

Su tutti alcuni noti giocatori di calcio che militano o hanno militato nel campionato di serie A. Ma non solo uomini di sport perché tra i più assidui frequentatori del giro di squillo ci sarebbe stato anche un noto imprenditore locale, che non solo pagava per passare serate in compagnia delle prostitute ma aveva anche un canale privilegiato.

Tutti nomi conosciuti che, in qualche modo, avrebbero avuto rapporti con i tre principali indagati: Fausto Isabettini, imprenditore 55enne e dipendente della Regione Marche, che nel 2012 era anche gestore del sexy disco dinner Monella; Fabrizio Bellucci, 58 anni, titolare del night disco lap Bambola di Marina di Montemarciano e dello Snoopy Music Hall in Strada Bruciata di Senigallia; Valtero Goffi, imprenditore di 56 anni residente a Marotta che in passato aveva gestito sia il Bambola che il Monella.

In particolare Bellucci, secondo le indagini degli inquirenti, sarebbe stato l’organizzatore che si occupava di reclutare le ragazze che poi si sarebbero dovute prostituire. Pensava lui a tutto, dagli alloggi ai trasporti, fino anche a concordare personalmente le tariffe delle prestazioni delle sue ragazze. A confermarlo sarebbero state proprio le ragazze che, interrogate, avrebbero detto che se i clienti lo richiedevano gli indagati facevano anche da tassisti fino a casa loro per poi riaccompagnarle a fine serata.

Oltre agli arrestati, altre sette persone sono indagate per associazione a delinquere finalizzata allo sfruttamento e al favoreggiamento della prostituzione: si tratta di un 58enne e un 42enne, entrambi camerieri, di un 36enne originario del Bangladesh e un 37enne, entrambi impiegati, di un 40enne buttafuori rumeno, di un imprenditore 38enne e di una barista 29enne ucraina. Le indagini svolte dai carabinieri sono iniziate nel 2012 e avrebbero svelato un giro di sesso a pagamento che dai tre passava anche tramite i dipendenti.

da dagospia.com

One comment

  1. giorgio giorgi

    I night non solo alimentano prostituzione, ma anche criminalita’ e uso e vendita di stupefacenti