Serracchiani batte papi

serracchianiSerracchiani superstar: «Battuto papi»
In Friuli la candidata lanciata dal web supera Berlusconi di 9mila preferenze. Il Pd esulta: «Risultato eclatante
Con le sue quasi 74mila preferenze, Debora Serracchiani, fa tirare un sospiro di sollievo al Pd. La 39enne avvocato e vice capogruppo nel Consiglio provinciale di Udine, numero tre della lista Pd nella circoscrizione Italia Nord Orientale, supera in Friuli anche i voti del capolista Pdl Silvio Berlusconi (64.286). «Mi sveglio, un occhio ai dati e… in Friuli Venezia Giulia Debora batte “papi” 73.910 a 64.286» si legge sulla pagina di Facebook della candidata. Notevole il distacco, sempre su scala regionale, anche con il capolista Pd Luigi Berlinguer, fermo a 11.244 preferenze.

RISULTATO STREPITOSO – Lei, originaria di Roma ma trapiantata a Udine, parla di risultato strepitoso. «Sono molto soddisfatta non solo nel vedere che tanti credono in me, ma anche perché in Friuli Venezia Giulia ho ottenuto 9mila preferenze in più rispetto a Silvio Berlusconi». A marzo, all’assemblea del Pd, aveva lanciato strali contro i dirigenti del Pd. Ma oggi ringrazia Dario Franceschini: «Ha avuto il merito di credere in me fin dal primo momento – spiega -. Laddove il partito decide di investire sul nuovo i risultati arrivano. Anche in una zona difficile qual è il Nordest d’Italia». Ammette che nella sua campagna «hanno giocato un ruolo decisivo sia l’impegno del partito, sia il web che mi ha aiutato tantissimo». Quanto ai programmi futuri, «le idee per l’Europa sono tante: competitività, innovazione e ricerca». Dal Pd arrivano commenti entusiasti. «Le forze fresche con cui affrontare le prossime sfide non mancano» dice il deputato triestino Ettore Rosato. E il segretario friulano, Bruno Zvech: «Debora Serracchiani sarà sicuramente tra i primi candidati eletti nella circoscrizione Nord Orientale. Il dato è eclatante in sé perché, pur avendo 40mila voti in meno di lista rispetto al Pdl, Serracchiani prende migliaia di voti più di Berlusconi e il doppio di Giovanni Collino. Per cui è un risultato di proporzioni straordinarie. Quando il rinnovamento si lega alla competenza, alla passione civile, culturale e politica, i risultati si vedono».

L’INTERVENTO A ROMA – Debora Serracchiani, che sul suo sito si definisce «semplicemente democratica», è salita alla ribalta a marzo, dopo l’assemblea dei circoli democratici a Roma. In quell’occasione, da perfetta sconosciuta (anche se a livello locale è attiva da diversi anni), era salita sul palco e aveva criticato i dirigenti del partito («incapaci di avere una linea unica»), Franceschini in primis. Il quale aveva apprezzato: «Ha dimostrato grande energia, qualità, competenza. Anche se come voto mi ha dato 6-. È stata diretta anche nei miei confronti e ha fatto bene, questo rende vitale il partito». Ma adesso, a elezioni concluse, il giudizio della 39enne sul segretario è positivo: «Credo che Dario Franceschini in questi mesi abbia fatto quasi un miracolo. Mi sembra che il Pd abbia tenuto piuttosto bene, e che il Pdl non abbia sfondato. Credo che il Pdl sia stato punito perché non sta dando soluzioni, in particolare non si occupa della crisi come dovrebbe. Non so quanto abbiano pesato le vicende legate all’etica pubblica del presidente del Consiglio, però credo che più che altro inizino a pesare le mancate soluzioni del governo rispetto ai problemi del Paese».

da corriere.it

I commenti sono chiusi.