Sisa la droga killer greca la metanfetamina dei poveri atta con l’acido delle batterie, con il sale, con lo shampoo e con l’olio del motore video

ECCO SISA, LA DROGA KILLER CHE VIENE DALLA GRECIA:
FATTA CON L’ACIDO DELLE BATTERIE E LO SHAMPOO

ATENE – La crisi si fa sentire in tutta Europa, ci sono paesi dove si avverte di più, in altri di meno. La Grecia, sicuramente, è uno di quegli Stati che se la sta vedendo peggio. E a peggiorare è anche la qualità della vita dei propri abitanti: i poveri si stanno moltiplicando e i tossicodipendenti aumentano a vista d’occhio in tutta la nazione. Ma, avendo a disposizione pochi soldi, e cercando di ‘evadere’ mentalmente dallo scenario apocalittico della forte crisi, si aveva bisogno di una droga low cost, assimilata con ingredienti di riciclo, di basso costo.
È nata così la Sisa, denominata appunto la ‘metanfetamina dei poveri’, fatta con l’acido delle batterie, con il sale, con lo shampoo e con l’olio del motore. Un mix letale, insomma.

“Negli ultimi due anni i tossicodipendenti sono diventati più autodistruttivi – commentano i funzionari di governo greco – soprattutto nella periferia di Atene dove la crisi è più forte”.

“La Sisa è una droga di strada – dice Charalampos Poulopoulos, direttore di KETHEA, un’organizzazione che si dedica al recupero dei tossicodipendenti – Spesso la Sisa viene prodotta in laboratori casarecci”.

Dopo la Krokodil, sviluppata in Siberia e i sali da bagno, che ha letteralmente spopolato negli Stati Uniti e in Canada, ora bisognerà fare i conti anche con la Sisa, una nuova, letale, pericolosissima droga killer.

di Simone Nocentini da ilmessaggero.it

I commenti sono chiusi.