Spagna Italia 1 a 0 gol di Pedro e papera di Buffon video

Mondiali 2014 – Pedro condanna ancora l’Italia: 1-0 Spagna
Nell’amichevole del Vicente Calderon gli azzurri subiscono a lungo il possesso della Spagna e alla fine capitolano nella ripresa: è Pedro a firmare l’1-0 finale. Azzurri che hanno vinto una sola amichevole delle ultime 13. Spagna che resta imbattuta in casa dal novembre 2006

Quattro pareggi e una sconfitta nelle ultime 5 partite. E’ un bilancio impietoso quello della Nazionale di Cesare Prandelli che, anche stasera, è costretta uscire dal Vicente Calderon con un risultato negativo. Certo, dall’altra parte della barricata c’era la famosa Spagna campione di tutto, ma rispetto al confronto diretto della semifinale di Confederation Cup gli azzurri hanno dato l’impressione di aver fatto un passo indietro. O forse, come sostengono alcuni, è stata la Spagna a fare un passo avanti. Considerazioni e opinioni, con la verità che sta probabilmente come al solito nel mezzo ma al tempo stesso con le innegabili indicazioni cui Prandelli è stato messo ancora una volta di fronte: dalla crisi di esterni – Maggio e Criscito su tutti – alla necessità di trovare una migliore condizione. Una nota positiva però c’è: l’arrivo di un difensore davvero all’altezza, Gabriel Paletta. Non sarà molto, ma in tempi di magra meglio attaccarsi a ciò che si ha.
LA CRONCA
Nella serata in cui la Spagna rende omaggio allo storico tecnico che aprì il ciclo vincente delle Furie Rosse – Luis Aragones – gli iberici scendono in campo con la voglia di fare bella figura e per l’Italia di Prandelli sono quasi subito guai. La pressione della Spagna è infatti quella da ‘match vero’ più che amichevole e nei primi 10 minuti gli azzurri se ne accorgono subito. Dieci uomini schiacciati al limite dell’area e un Paletta sugli scudi riescono però a tenere botta agli assalti spagnoli che, con il passare dei minuti, si fanno meno insistenti. L’Italia, poi, rischia addirittura il colpaccio in un paio di occasioni: pronti-via e una discesa di Cerci terminata con un tiro-cross va a colpire il secondo palo della porta difesa da Casillas; mentre a metà tempo è Osvaldo a far tremare il portiere del Real Madrid con una rapidissima conclusione dopo l’assist di Marchisio di tacco. Insomma, se dal punto di vista del gioco l’Italia prende una paga indiscutibile, c’è quanto meno il computo delle occasioni a tenere alto il morale azzurro.
Un morale indiscutibilmente destinato a scendere nella ripresa, quando l’ingresso di David Silva vivacizza ulteriormente la Spagna. Prandelli cambia gli esterni di difesa e inserisce Pirlo, e se la mossa ha un effetto positivo, non impedisce comunque alla Spagna di passare in vantaggio. Silva inizia l’azione, Iniesta si inventa la solita genialata – questa volta col tacco – e Pedro è lesto a calciare la palla vanagante: Buffon è battuto, game set and match Spagna. Sì perché da quel momento le Furie Rosse si limitano al controllo, e la girandola di cambi non modifica l’andamento della trama. Vince la Spagna. E in casa non è una grande novità…
LA STATISTICA CHIAVE
Nelle ultime 13 amichevoli l’Italia ne ha vinta solo una: era la sfida con San Marino. La Spagna, invece, dal canto suo, non perde in casa dal novembre del 2006. Insomma, un ‘no contest’.
IL TWEET

IL MIGLIORE
Andres Iniesta. L’illusionista. Non ci stancheremo mai di ripeterlo: un fuoriclasse totale, un giocatore dotato di una tecnica di base come se ne sono visti pochi prima. L’assist per Pedro è una genialata, ma non è la sola giocata degna di nota.
IL PEGGIORE
Christian Maggio. Non c’è nulla da fare: l’esterno del Napoli non è in condizione. Da questa parte Jordi Alba va a nozze su ogni suggerimento di Iniesta, e rischia di mandare in crisi il reparto con un paio di salite in ritardo sul fuorigioco. Per citare il grande Guido Nicheli: “NCS”. Non ci siamo.
IL TABELLINO
Spagna (4-3-3): Casillas (46’ Valdes); Juanfran, Martinez, Sergio Ramos (65’ Albiol), Jordi Alba; Fabregas (46’ Xabi Alonso), Busquets (46’ Silva), Thiago Alcantara; Pedro (83’ Cazorla), Diego Costa, Iniesta (65’ Jesus Navas).
Italia (4-3-2-1): Buffon; Maggio (46’ Abate), Barzagli, Paletta, Criscito (46’ De Sciglio); Montolivo, Thiago Motta (62’ Giaccherini), Marchisio; Candreva (46’ Pirlo), Cerci (69’ Destro); Osvaldo (69’ Immobile).
Marcatori: 63’ Pedro
Ammoniti: Criscito, Destro. Espulsi: nessuno.

da Simone Eterno  da eurosport

I commenti sono chiusi.