Statali taglio da 7 a 5 euro del ticket restaurant

Statali, la sforbiciata  dei ticket restaurant

Enrico Bondi, superconsulente del governo sulla spesa pubblica
Da 7 a 5 euro, così per l’amministrazione  è esentasse

Alla fine se la sono presa anche con lui: il buono pasto. Magari poi trasformato in buono spesa, in ogni caso un fido alleato per arrivare con più facilità a fine mese. Ma le forbici della spending review tagliano anche il valore dei ticket ristorante per gli statali, 450 mila persone tra ministeri romani e attività distaccate nelle province: dagli attuali 7 euro a poco più di 5.

«Ridurre l’importo del buono pasto dei dipendenti pubblici a 5,29 euro, cioè la soglia massima esentasse, significa tornare al valore di acquisto di 15 anni fa e quindi togliere fisicamente il pane dalla bocca a tanti lavoratori senza far risparmiare in maniera significativa lo Stato» si lamenta Franco Tumino, presidente Anseb, l’associazione delle società emettitrici buoni pasto aderente a Fipe-Confcommercio.

Peraltro si teme anche un contraccolpo per gli incassi di baristi e ristoratori. L’Anseb sostiene, confortata da un recentissimo studio dell’Università Bocconi di Milano che il valore minimo attualizzato del buono pasto è di 8 euro e che si potrebbe innalzare il valore esentasse fino a questa cifra, senza gravare sulla spesa pubblica.

Secondo gli esperti della Bocconi, è possibile vincere questa sfida se il buono pasto venisse utilizzato nella maniera corretta, cioè destinandolo esclusivamente alle spese alimentari e non per comperare calze, detersivi e altra merce similare.

Tra gli statali la notizia crea scompiglio. C’è chi si chiede, all’uscita di uno dei tanti bar che in centro raccolgono orde di ministeriali in pausa pranzo, se non sia il caso di toglierlo del tutto il buono pasto, invece di «lasciare un’elemosina da 5 euro». Una cifra con cui in effetti a Roma forse si riesce a bere una Coca Cola, non certo fare un pranzo. Altro capannello, altra domanda retorica: «Avranno tagliato anche i buoni pasto per i dipendenti di Camera e Senato?».

La dieta dimagrante per i ticket non è una novità del premier Monti o del commissario straordinario Enrico Bondi. Già nella finanziaria dello scorso anno ci aveva provato l’ex ministro dell’Economia, Giulio Tremonti, tentando di cancellarlo per tutti i dipendenti pubblici che lavoravano meno di 8 ore al giorno.

I sindacati non ci stanno e considerano il buono pasto non come un benefit, ma come una voce dello stipendio che deve quindi essere oggetto di contrattazione. E il conto su quanto inciderebbe il taglio sul bilancio familiare è presto fatto: fino a 150 euro in meno a fine mese. «Ci meravigliamo – conclude Tumino – come lo Stato pensi di ridurre l’importo di uno dei pochi strumenti di pagamento interamente tracciabili dall’inizio alla fine della filiera».

Tracciabile o no, il buono pasto è frutto di una lotta iniziata 15 anni fa. Con un valore iniziale di 9 mila lire, già il passaggio all’euro aveva provveduto ad assottigliarne il potere di acquisto. La battaglia sindacale per i ticket è stata aspra: durante il governo Dini, i buoni pasto furono la merce di scambio per la flessibilità nell’orario degli uffici (aperti anche nel pomeriggio). Poi, come spesso capita con le trattative sindacali, il beneficio fu esteso a tutti i dipendenti e non solo a coloro che avevano il rientro pomeridiano. Così il buono pasto viene corrisposto a chi lavora 36 ore a settimana (cioè almeno 7 ore e 12 minuti al giorno).

Di solito si ha diritto a 5 ticket a settimana, per un controvalore di 7 euro l’uno che scende a 4,65 negli enti locali). I sindacati aspettano l’incontro della settimana prossima per discutere anche di questo con il governo, considerando che finora un confronto diretto sul tema della spending review non c’è stato. Di certo il governo potrà decidere della sorte dei buoni pasto dei ministeriali, ma non di quelli del comparto sanità o degli enti locali su cui non ha la competenza. Presto si vedrà se «tirare la cinghia» sarà un’espressione meno metaforica per gli statali costretti a portarsi un panino da casa.

ROSARIA TALARICO da lastampa.it