Teramo è morto l’achitetto Hector Cavone presidente dell’Associazione Italia Nostra

Hector CavoneGrave lutto per la cultura teramana. E’ morto l’achitetto Hector Cavone

L’Associazione Teramo Nostra, particolarmente colpita dalla prematura scomparsa del nostro concittadino, esprime condoglianze alla famiglia, alla signora Nicoletta Profeta e al figlio Daniele, giovane attore impegnato nel “Piccolo” di Milano.

Hector Cavone, presidente dell’Associazione Italia Nostra, si è distinto nel settore dell’architettura come diligente allievo di Giorgio Grassi con il quale aveva uno stretto rapporto, a noi utile nella vicenda del Teatro Romano di Interamnia per il quale Hector Cavone è stato sempre impegnato, riportando a Teramo i lumi del grande docente universitario.

Hector Cavone da sempre è stato impegnato per la cultura teramana, progettando il recupero dei fabbricati antichi dei mulini e in particolare della ramiera di Villa Tordinia.

Il suo impegno di studioso e di operatore ci ha segnalato l’importanza del “Ponte degli Impiccati”, facendo un progetto per un recupero e valorizzazione, purtroppo ancora non realizzato dall’Amministrazione comunale.

E’ sicuramente il primo storico della storia della architettura del Novecento a Teramo e in quell’ambito di ricerca organizzò il convegno con mostra e pubblicazione dell’ingegnere architetto Ovidio Bartoli, autore di importanti costruzioni pubbliche della nostra Teramo come il teatro Apollo nel 1912, la palazzina della Pinacoteca Civica e tante altre.

Il suo operare, mai rivolto ad attività redditizie, continuava con il progetto di studio, sia del recupero del Teatro Romano, ma anche degli imponenti edifici pubblici come il Liceo Classico e l’Istituto Magistrale realizzati nella prima metà del Novecento.

E’ stato per Teramo Nostra il referente qualificato per le questioni urbanistiche ed edilizie, rappresentando la nostra associazione in modo tecnico qualificato.

da piazzagrande.info