Terremoto L’Aquila sette dirigenti comissione Grandi Rischi a processo omicidio colposo plurimo indotto le persone a rimanere a casa

Sisma all’Aquila, rinvio a giudizio per la commissione Grandi Rischi

Sette dirigenti a processo. L’accusa: omicidio colposo plurimo e lesioni. Soddisfazione dei parenti delle vittime
Dopo tre udienze di fuoco in cui a rispondere alle accuse mosse dal pm della Procura della Repubblica dell’Aquila, Fabio Picuti, sono arrivati in città avvocati penalisti di caratura nazionale, il Gup del Tribunale Giuseppe Romano Garganella, dopo un’ora di camera di consiglio, ha rinviato a giudizio i sette componenti della commissione Grandi Rischi con l’accusa di omicidio colposo plurimo e lesioni: si tratta di Franco Barberi, presidente vicario della commissione Grandi Rischi, Bernardo De Bernardinis, già vice capo del settore tecnico del dipartimento di Protezione Civile, Enzo Boschi presidente dell’Ingv, Giulio Selvaggi direttore del Centro nazionale terremoti, Gian Michele Calvi, direttore di Eucentre e responsabile del progetto Case, Claudio Eva ordinario di fisica all’Università di Genova e Mauro Dolce direttore dell’ufficio rischio sismico di Protezione civile, ieri tutti assenti.

L’udienza in composizione monocratica è stata fissata per il 20 settembre. Soddisfazione è stata espressa dai familiari delle vittime del terremoto, un pò meno dagli avvocati difensori degli imputati che hanno annunciato «battaglia» in sede processuale. Il verbale redatto subito dopo la riunione del 31 marzo 2009 nel quale si riteneva poco probabile un forte terremoto è il punto nodale di tutta l’indagine e di conseguenza del rinvio a giudizio e per i pm sarebbe carente.

Si contesta «una valutazione del rischio sismico approssimativa, generica e inefficace in relazione alla attività della commissione e ai doveri di prevenzione e previsione del rischio sismico». «Sono state fornite dopo la riunione» si legge nel capo di imputazione «informazioni imprecise, incomplete e contraddittorie sulla pericolosità dell’attività sismica vanificando le attività di tutela della popolazione». Secondo i pm gli imputati «sono venuti meno ai doveri di valutazione del rischio connessi alla loro funzione» anche sotto il profilo dell’informazione. Queste notizie rassicuranti «hanno indotto le vittime a restare nelle case».

da lastampa.it

I commenti sono chiusi.