Valverde no al Tour de France

Valverde, niente Tour de France
Squalificato dal Coni per il coinvolgimento nell’Operacion Puerto, lo spagnolo non può gareggiare in Italia e il 21 luglio la corsa sconfinerà in Val d’Aosta. Lo ha annunciato la sua squadra, la Caisse d’Epargne
MailStampa5 commentiOkNotiziebadzuFacebookGAZZATOWN
MILANO, 23 giugno 2009 – Lo spagnolo Alejandro Valverde non disputerà il prossimo Tour de France, al via il 4 luglio da Montecarlo. Lo ha annunciato la sua squadra, la Caisse d’Epargne. Valverde, fresco vincitore del Giro del Delfinato, è stato squalificato per doping per due anni dal Comitato olimpico italiano in seguito al coinvolgimento nell’inchiesta Operacion Puerto. Sulla base dei riscontri tra il campione di sangue prelevato allo spagnolo in Italia durante il Tour dello scorso anno e uno di quelli sequestrati al medico spagnolo Eufemiano Fuentes, Valverde è stato ritenuto colpevole di uso o tentato uso di doping, in questo caso trasfusioni ematiche. La sentenza del Coni impedisce al 29enne corridore di gareggiare in Italia. A impedire a Valverde di partecipare al Tour è il tracciato stesso della corsa francese, che nella sedicesima tappa, il 21 luglio, sconfina in Val d’Aosta.

IL COMUNICATO — “Abarca Sport (Team Caisse d’Epargne) si è riunita con gli avvocati del suo corridore Alejandro Valverde – afferma la società con un comunicato – per conoscere con precisione il ricorso presentato dal corridore contro la decisione del Coni di punirlo con l’ inibizione a correre in Italia. Risulta da questa informazione che la regolamentazione applicabile al caso impedisce, con tutta sicurezza, una risoluzione del Tas a breve termine e, in ogni caso, prima della partenza del prossimo Tour de France. In queste circostanze, e sapendo che una tappa della corsa tocca il territorio italiano – aggiunge il comunicato – ci vediamo costretti ad annunciare che Alejandro Valverde non partirà al Tour 2009”.

RICORSO — Il corridore ha in effetti fatto ricorso al Tribunale arbitrale per lo sport di Losanna contro la squalifica inflitta dal Coni (senza entrare nel merito delle accuse, ma rivendicando l’impossibilità della giustizia sportiva italiana di usare prove emerse nel procedimento spagnolo), ma il Tas non potrà decidere prima del 4 luglio, data di partenza della Grande Boucle.

valverdeLA CAISSE PROTESTA — “La situazione ingiusta subita da Valverde provoca inoltre un danno difficilmente riparabile per il nostro sponsor principale, la Caisse d’Epargne, il cui impegno nello sport ciclistico non merita di vedersi privare, nella corsa più importante dell’anno, di un corridore come Valverde”, prosegue la nota di Abarca Sport, sottolineando che il campione spagnolo, 29 anni e vincitore il 14 giugno scorso del Giro del Delfinato, “sacrificando altri obiettivi sportivi, aveva centrato la sua preparazione sul Tour”; e che i tifosi del ciclismo “si vedono privati della presenza al Tour dell’attuale leader della classifica mondiale dei corridori. Desideriamo manifestare – afferma ancora il team – la nostra assoluta fiducia nel fatto che Alejandro Valverde supererà questa situazione difficile e continuerà a dimostrare nelle prossime corse le sue qualità; e nel fatto che il resto dei corridori della squadra difenderanno con la massima professionalità l’immagine della Caisse d’Epargne nel Tour 2009”.

One comment

  1. Pingback: Valverde no al Tour de France :: VIP