Vicenza si spacciano per carabinieri e rubano 30mila euro per disabili

«Aprite, carabinieri» ma è una rapina
Rubati 30 mila euro per i disabili

Si qualificano alla porta come carabinieri e compiono una rapina in casa a Vicenza impossessandosi, tra l’altro, di 30mila euro che dovevano servire per l’acquisto di un furgone attrezzato per i disabili.

«Aprite, carabinieri»: in questo modo stamani è stato svegliato Bruno Vit, 48 anni. Quando ha aperto la porta di casa, si è trovato davanti quattro uomini, uno dei quali con passamontagna e un altro con pistola.

Vit è stato immobilizzato con fascette da elettricista e gli è stato chiesto dove fosse la cassaforte. Di fronte alle sue resistenze, uno dei banditi ha minacciato ritorsioni contro la moglie e la figlia che si trovavano in un’altra stanza.

L’uomo allora ha indicato la cassetta blindata in camera da letto e l’ha aperta. All’interno c’erano gioielli di famiglia e circa 30 mila euro, buona parte dei quali erano frutto della donazione di un privato a favore di una onlus della quale Bruno Vit è presidente e che si occupa di anziani e disabili, per i quali doveva essere comprato il furgone. I quattro si sono impossessati del contenuto della cassaforte e sono fuggiti. Sul posto la squadra mobile della questura di Vicenza.

da ILGIORNALEDIVICENZA.IT

I commenti sono chiusi.