Wimbledon Schiavone ottavi

schiavoneWimbledon – Impresa Schiavone, Seppi rimandato
Eurosport – ven, 26 giu 22:50:00 2009
Frascesca supera la francese Bartoli e centra per la prima volta in carriera gli ottavi sull’erba londinese. Seppi-Andreev sospeso per oscurità sul 5 pari del quarto set, con il russo avanti 2 set a 1
Per la prima volta in carriera Francesca Schiavone giocherà anche la seconda settimana a Wimbledon. La 29enne di Milano si è sbarazzata della francese Marion Bartoli, testa di serie numero 12 e finalista a Wimbledon nel 2007, con un secco 7-6(5) 6-0, meritando ampiamente il passaggio del turno.
Impressionante dimostrazione di forza quella di Francesca, che dopo aver sofferto un po’ il gioco della francese nel primo set, ha preso totalmente in pugno il match nel secondo, non concedendo più nulla e chiudendo in 1 ora e 27 minuti. Il primo set è andato avanti sul filo di lana. La Bartoli è salita 5-3, poi cha subito il ritorno della Schiavone, che ha infilato 3 giochi consecutivi ma si è fatta breccare sul 6-5. Tie break dunque, che Francesca ha vinto 7 punti a 5.
E qui, di fatto, sono finiti i sogni della Bartoli ed è iniziato il vero e proprio show della Schiavone, che in mezzoretta scarsa ha infilato 6 giochi consecutivi, chiudendo con 27 vincenti e 4 aces. Lunedì se la vedrà con un’altra francese, la testa di serie numero 27 Virginie Razzano. Avversario sicuramente insidioso, ma non impossibile, soprattutto per la Schiavone vista oggi.
Tutto rimandato invece per Andreas Seppi. Come già successo nel secondo turno con il francese Gicquel, il match dell’altoatesino e il russo Igor Andreev è stato sospeso per oscurità sul 5 pari del quarto set. Ma questa volta in vantaggio non c’è Andreas, che è sotto 2 set a 1. Andreev ha vinto nettamente il primo set 6 giochi a 1, e il tie break del secondo 7 punti a 5. Seppi ha poi dominato e vinto il quarto set 6-4, riaprendo la partita. Si ripartirà sabato dal 5 pari servizio Andreev. Andreas non può permettersi cali di tensione.
Eurosport.com

I commenti sono chiusi.